Partita Iva aperta all’estero: quando si può lavorare in Italia senza rischi e quali sono i benefici

Partita Iva aperta all’estero, puoi lavorare anche in Italia solo con questo metodo e senza rischi: scopri i dettagli e le curiosità.

Hai mai sentito parlare di Partita Iva aperta all’estero? Sicuramente se ti stai affacciando ora in questo mondo, siamo lieti di spiegarti come poter fare a lavorare in Italia con una Partita Iva aperta all’estero, ma soprattutto quali sono i pro e i contro di questa determinata scelta fatta in passato: ecco che in questo articolo ti sveleremo tutto quello che devi assolutamente sapere per lavorare in maniera serena e tranquilla anche in Italia.

Partita Iva all'stero ecco cosa cambia
Partita Iva all’estero ecco cosa cambia – icicero.it

Ovviamente la scelta di poter aprire una partita Iva all’estero e usufruire di determinate servizi anche in Italia è molto affascinante e potrebbe suscitare in voi parecchia curiosità, visto che sono diversi i Paesi in cui, rispetto all’Italia hanno un imposizione fiscale parecchio più bassa.

Per operare in Italia con una Partita Iva aperta all’estero, sono tanti gli accorgimenti a cui bisogna far attenzione. Come sappiamo, nei Paesi dell’Unione vige il principio di libertà di stabilimento: un soggetto residente in UE può avviare la sua attività imprenditoriale nel Paese a lui più adatto.

L’importante, però, che il soggetto debba trasferire anche a residenza fiscale personale lì, per ridurre gli adempimenti burocratici e una tassazione relativamente più bassa. Per i Paesi extra Unione Europa, è necessario verificare i requisiti di ciascun Paese al fine di incorrere in nessuna sanzione.

Partita Iva estera in Italia, pro e i contro: ecco a cosa devi fare attenzione

Come già accennato, per aprire una Partita Iva all’estero è necessario aver trasferito la residenza lì. Quindi quelli che pensano di aprire la Partita Iva qui e lavorare all’estero rimarranno particolarmente delusi da non poterlo fare.  In questo caso si incorre nell’esterovestizione, ovvero la falsa residenza in un Paese estero, ossia che la residenza sia effettivamente all’estero e non nel territorio italiano.

Partita Iva all'stero ecco cosa cambia
Partita Iva estera in Italia, vantaggi e svantaggi – icicero.it

Una domanda che i nostri lettori ci pongono spesso, però, è il contrario: con una partita Iva aperta all’estero si può lavorare in Italia? La risposta è sì, in quanto nel nostro Paese non esiste alcun divieto di operare con una partita Iva estera, infatti. Il problema di operare con questa Partita Iva, è solo uno: hai l’obbligo di pagare le tasse sia in Italia che all’estero.

La doppia tassazione, come afferma il sito Money.it, “può essere evitata se si sceglie come Paese di residenza uno Stato che abbia una convenzione bilaterale contro la doppia imposizione”. Solo nel caso in cui il professionista operi in Italia, occasionalmente, allora le tasse sono dovute solo nel Paese di residenza.

Impostazioni privacy